Cultura è Salute

Gabriele d’Annunzio: il Vate armato
di ROBERTO LOLLI

pubblicato il 9 Maggio 2022

Sta eretto sulla prora ventosa
della sua corsara nave, ansiosa
di lanciarsi sul nemico, ruinosa.
Sta nell’aereo tremulo ma canaglia
imbracciando la vibrante mitraglia
che un tremante nemico sbaraglia.
Sta il voglioso Superuomo pensoso
quale febbrile instancabile amoroso
che ogni donna vuole come sposo.
Sta il Vate che con le rime stupisce
ma pur gli oltraggi della vita patisce
e le grettezze umane pure subisce.
E urla a Pirati, Poeti e Innamorati,
che l’Eternità è solo per noi Soldati
d’Amore, di lealtà, di virtù assetati.

“Memento audere semper”
ARIEL