Zoom

Diabete in estate: i segnali da non sottovalutare

C'è una spiegazione al fatto che in estate sia più difficile gestire il diabete? Dipende dal caldo o dalle vacanze? Come è possibile giocare d'anticipo? L'esperta diabetologa pediatra indica le situazioni da tenere in considerazione e spiega come superarle.

Non è cosa facile gestire il diabete, ma in estate può risultare un po’ più difficile per diverse ragioni, alcune legate alle temperature, altre al cambiamento di alcune abitudini, altre ancora a semplici disattenzioni.

In estate il caldo può rappresentare una sfida per le persone con diabete, basti pensare alla sola influenza che le alte temperature hanno sui valori di glicemia. È importante prestare attenzione e prendere misure adeguate a mantenere la glicemia sotto controllo durante questa stagione. Molte le ragioni, alcune delle quali, se combinate tra loroBarbara Predieri, Professore Associato dell’Università di Modena e Reggio Emilia, Unità Operativa Complessa di Pediatra del Policlinico di Modena – come il caldo, lo stress, il cambio di abitudini a tavola, di orari o di attività sportive, possono incidere anche quotidianamente sulla gestione e sull’andamento della malattia. È importante averne conoscenza e coscienza per poter intervenire preventivamente, soprattutto durante la pausa estiva. Oggi l’uso della tecnologia permette di ottenere un miglior controllo glicemico e una maggiore consapevolezza consentendo di prendere decisioni più informate sulla gestione del diabete e godersi l’estate in modo sicuro e quasi senza pensieri“.

Le alte temperature possono influenzare il metabolismo e l’assorbimento dell’insulina: l’eccessivo calore può causare una maggiore sudorazione e un aumento della disidratazione che può determinare una ridotta efficacia dell’insulina, aumentando quindi la glicemia. Ma non finisce qui, perché ci sono altri elementi che vanno considerati, pezzi di un grande puzzle che si incastrano diversamente e che devono essere discussi con il diabetologo di riferimento. 

1.    Cambio di routine

le vacanze, i viaggi o le attività all’aperto possono portare a pasti irregolari, orari di sonno diversi e cambiamenti nell’esercizio fisico. Queste variazioni possono influenzare i livelli di zucchero nel sangue e rendere più difficile il controllo della glicemia. Spesso ci si ritrova a fare attività frenetiche, ma occorre ricordare l’importanza di rispettare anche in estate il tempo d’attesa tra la somministrazione di insulina e l’inizio del pasto per evitare un successivo rialzo della glicemia

2.    Aumento attività fisica

presi dalla voglia di essere più attivi, aumentano le persone che decidono di fare attività fisiche all’aperto come nuoto, escursioni, ciclismo o sport di squadra. L’esercizio fisico può abbassare i livelli di zucchero nel sangue, quindi è importante adattare il piano terapeutico per prevenire l’ipoglicemia. È consigliabile evitare di praticare attività sportive durante le ore più calde della giornata e mantenere sempre un buon stato di idratazione

3.    Consumo di cibi zuccherati o bevande alcoliche

siamo tutti più tentati a consumare cibi e bevande più zuccherati, come gelati, bibite gassate o cocktail alcolici. Questi alimenti e bevande possono causare variabilità glicemica e rendere più difficile il controllo del diabete. A volte risulta difficile resistere a queste tentazioni e, nel caso si decida di assumerli, occorre considerare il duplice effetto (ipo- e iperglicemizzante) che possono avere. Il consiglio è di parlarne prima con il proprio team diabetologico, ricordando però che questi “sgarri” estivi non devono diventare abituali

4.    Aumento di carboidrati

le occasioni per uscire e mangiare fuori, anche più del solito, in estate aumentano. È preferibile consumare cibi leggeri, senza dimenticare nei pasti i piatti a base di carboidrati (vanno benissimo le insalate di pasta e/o di riso e/o bruschette e/o focacce-pane), verdura e frutta (ricchi di acqua, vitamine e sali minerali) che, favorendo un assorbimento più lento dei carboidrati, aiutano a mantenere stabili i livelli glicemici.

5.    Livelli di idratazione

con il caldo si tende a bere nel momento in cui si ha sete, ma è fondamentale evitare la disidratazione. Non tutti sanno che il consumo di acqua aiuta a mantenere efficace l’azione dell’insulina permettendo livelli di glicemia più stabili, evitando l’iperglicemia che a sua volta aumenta la disidratazione per la perdita di liquidi attraverso le urine. Questo spiega quanto sia fondamentale bere abbondantemente nel periodo estivo senza aspettare di avere lo “stimolo” della sete, soprattutto per chi ha il diabete. Bisogna prediligere acqua o tè/tisane fatti in casa senza zucchero, evitando succhi, bevande energetiche e integratori sportivi, salvo indicazioni specifiche del proprio medico. Occorre inoltre ricordare che i sensori glicemici funzionano al meglio quando la persona è ben idratata

6.    Sbalzi di temperatura e stress

entrare e uscire dall’acqua del mare o della piscina oppure passare da un ambiente molto freddo per il condizionatore all’esterno può provocare un abbassamento della glicemia perché il caldo causa dilazione dei vasi sanguigni determinando a volte un assorbimento più rapido dell’insulina ed il conseguente più rapido consumo del glucosio. Anche le situazioni di stress o disagio durante una vacanza o anche durante il viaggio per arrivarci, possono influenzare la variabilità della glicemia, che spesso aumenta

7.    Cambio fuso orario

il trasferimento e il soggiorno in località straniere può voler dire modificare anche l’orario dei pasti, delle misurazioni glicemiche e delle terapie. Se il cambiamento è di poche ore, puoi adattare lentamente gli orari dei pasti e delle dosi di insulina o farmaci. Se il cambiamento è più significativo, potrebbe essere necessario consultarsi con il proprio medico di riferimento per pianificare in modo adeguato le regolazioni. A destinazione raggiunta o durante il lungo viaggio, bisogna ricordarsi di modificare l’ora nei microinfusori e ricevitori dei sensori poiché l’aggiornamento non avviene in automatico. Prima di partire procurarsi scorte di farmaci e presidi tecnologici sufficienti per tutto il periodo di vacanza per far fronte a ogni evenienza. In caso di procedure di controllo (es. aeroporto) è necessario avere il certificato del diabetologo per portare farmaci e presidi nel bagaglio a mano e perché per sensori e microinfusori è consigliabile evitare di entrare negli scanner

8.    Cambiamenti nella terapia

con le alte temperature, le variazioni nella routine e nelle abitudini a tavola, va modificato con attenzione il dosaggio di insulina per gestire correttamente la glicemia durante l’estate. Grazie all’utilizzo dei sensori oggi è possibile monitorare con maggiore regolarità la glicemia, intervenendo tempestivamente sia in caso di glicemia alta che bassa. Occorre quindi avere sempre a portata di mano l’insulina e carboidrati a rapido assorbimento. L’insulina in uso si conserva a temperatura ambiente, senza però dimenticare che può essere meno stabile a temperature elevate, e quindi va conservata bene per non influenzarne l’efficacia. Può essere di aiuto avere sempre con sé un contenitore refrigerato nel quale è bene conservare anche il glucagone iniettivo, mentre quello in formulazione spray nasale può stare a temperatura ambiente

9.    Divertimento non programmato

in vacanza è frequente decidere di provare qualche attrazione particolare senza essere necessariamente degli sportivi (es. luna park, parchi acquatici, musei interattivi, etc). L’imprevedibilità di movimento e divertimento è tipica dei soggetti in età evolutiva ed è consigliabile, per evitare sbalzi di glicemie, controllare sempre i livelli in anticipo. La terapia con sistemi tecnologici permette sicuramente una maggiore flessibilità rispetto alla terapia iniettiva

10.    Utilizzo della tecnologia

si conferma un valido supporto per la gestione del diabete di tipo 1. L’utilizzo di piccoli device adesivi e impermeabili che permettono la misurazione in continuo dei livelli del glucosio, alcuni dei quali avvisano anche in anticipo di eventuali cali di zucchero, e l’infusione di insulina attraverso microinfusori, permettono una maggiore flessibilità nella gestione della terapia. Un approccio consapevole e l’utilizzo di dispositivi adeguati possono garantire una migliore gestione del diabete anche durante il caldo estivo. L’effetto delle temperature grava anche su microinfusori e sensori. La maggiore sudorazione e lo stare molto tempo in acqua possono favorire il distacco precoce dei dispositivi in uso. È bene utilizzare accessori per favorire un maggior “ancoraggio” (es. cerotti, fasce), ma è importante ricordare di portare sempre con sé un set microinfusore e un sensore di scorta. Per le attività acquatiche, in caso di microinfusore con tubi, si consiglia di toglierlo e metterlo all’ombra, mentre i modelli a cerotto (patch pump) e i sensori sono impermeabili e non necessitano di questa precauzione.