Medico-Paziente

Allarme tumori in Italia: rispetto al 2020 aumentano le diagnosi 

Torna l’allarme tumori in Italia: le diagnosi di cancro stimate nel 2022 sono 390.700, in netto aumento rispetto al 2020 (+14mila). Ciò significa che ci sono più di mille nuovi casi al giorno, con una netta prevalenza del tumore della mammella, seguito da quello a colon-retto, polmone, prostata e vescica. Si legge nel rapporto “I numeri del cancro in Italia 2022”, presentato al ministero della Salute. Il Covid ha portato un “forte rallentamento degli screening oncologici, bisogna recuperare in fretta” ha commentato il ministro della Salute Orazio Schillaci.

Intanto gli esperti lanciano l’allarme per gli stili di vita scorretti: il 33% degli adulti è in sovrappeso e il 10% obeso, il 24% fuma e i sedentari sono aumentati dal 23% nel 2008 al 31% nel 2021. Il report è frutto della collaborazione tra Aiom (Associazione italiana di oncologia medica), Airtum, Fondazione Aiom, Ons, Passi, Passi d’argento e Siapec. “La pandemia – rilevano gli esperti – ha determinato nel 2020 un calo delle nuove diagnosi legato in parte all’interruzione degli screening, mentre oggi si assiste alla ripresa dei casi di cancro come in altri Paesi europei. Un quadro preoccupante che rischia di peggiorare se non si pone un argine proprio agli stili di vita scorretti”. Pesano anche i ritardi nell’assistenza accumulati durante la pandemia.

Dall’altro lato si registra una ripresa dei programmi di prevenzione secondaria e degli interventi chirurgici in stadio iniziale. I controlli sono tornati nel 2021 ai livelli pre-Covid: aumentano in particolare il test mammografico, che raggiunge la copertura del 46% (nel 2020 si era attestato al 30%), per il colon-retto del 30% (era pari al 17% nel 2020) e per la cervice uterina del 35% (era al 23% nel 2020). Alla riattivazione dei programmi di prevenzione secondaria corrisponde un incremento del numero di interventi chirurgici per cancro del colon-retto e della mammella, anche in stadio iniziale. Infine c’è anche un dato che fa ben sperare: a fronte dei 2,5 milioni di cittadini che vivevano in Italia nel 2006 con una pregressa diagnosi di tumore, si è passati a circa 3,6 milioni nel 2020. Vale a dire il 37% in più di quanto osservato solo 10 anni prima.